top of page

Pieter Vermeersch

Belgium, 1973


 

| ​Blue-Chip Representation | Top 100 Belgium


La ricerca artistica della pittura di Pieter Vermeersch (Kortrijk, 1973) si espande oltre il confine della tela. Il suo lavoro consiste spesso in grandi interventi spaziali, sovvertendo costantemente il territorio sia concepito per uno spazio espositivo o adattato a un sito architettonico preesistente. Oltre alle installazioni pittoriche e immersive e ai dipinti murali a gradiente, la sua opera comprende anche una serie di dipinti effimeri a zero gradi su tela. I pezzi sono portati a una realtà concreta dal processo irreversibile di scalpellatura e fresatura della pietra naturale. Le sue opere sono completate da una serie di stampe fotografiche o lastre di marmo riattivate con delicati tocchi di pittura, un tratto di pennello o piani cromatici graduali. Con rappresentazione e astrazione impostate come parametri, l'opera di Vermeersch innesca esperienze percettive infinitesime, presentandoci un senso del colore che è referenziale del divario tra apparenza e scomparsa; il divario in cui si confondono le divisioni tra bidimensionale e tridimensionale, immateriale e tangibile, tempo e spazio.


CONTATTI


Vive e lavora a Torino (IT)








Post correlati

Mostra tutti

AES+F

Comentarios


bottom of page